Architetto Cristian Gori


Riqualificazione Centro Commerciale Naturale di Bellaria Igea Marina

anno 2010-12

Progettisti
Unità di Progetto coordinatore:
Architetto Cristian Gori
Iscom Group coordinatore
Dottore Nicola Minelli
Gecc Lab coordinatore
Architetto Giovanna Codato


Progetto premiato con l'Achievement Awards Downtown nella categoria Spazio Pubblico nel 59 Convegno Mondiale dell' International Downtown Association (6-9 Ottobre 2013) a New York City, USA.

Progetto presentato nella conferenza International Retail Business Development nel 57° convegno International Downtown Association (22-26 Settembre 2011) a Charlotte, North Carolina USA


Inquadramento urbano

Bellaria Igea Marina è una città turistica balneare di 20.000 abitanti situata nel nord est di Italia sul mare Adriatico strutturata fisicamente in fasce parallele alla costa e attraversata nella parte centrale dal fiume Uso, sulla quale insiste il porto canale che divide, Bellaria a nord da Igea Marina a sud. Caratterizzata da due centri urbani distinti particolarmente attivi in estate, tende ad estinguersi nel periodo invernale a causa di una serie di problemi urbanistici che rendono poco accessibile e di conseguenza attraente i due centri, causando forti sofferenze alle attività commerciali non che alla vitalità stessa del paese.

 

Progetto

Il progetto di studio attivato per il rilancio del centro commerciale naturale della città prende spunto dal Piano Idea promosso nel 2008 da alcune delle più importanti categorie economiche che si raggruppano sotto la sigla Emisfero (Confartigianato, Federalberghi, Coop. Bagnini, Confcommercio). Le principali linee strategiche a scala territoriale mirano a trasformare Bellaria Igea Marina in una “cerniera” tra la costa e l’entroterra, mentre alla scala urbana gli obiettivi promossi riguardano:

“l'unione” tra Bellaria e Igea Marina operando sulla rivalorizzazione dell’asta fluviale e la ricucitura delle singole zone urbane attualmente sconnesse. Il progetto urbano messo a punto con la collaborazione di Iscom Group e Gecc Lab mira a coordinare operando in modo organico sullo spazio pubblico una serie di interventi alle diverse scale della progettazione. Gli obiettivi primari per il rilancio del centro dei due distretti commerciali si concentrano sull'individuazione delle attrattività dei luoghi, sui caratteri dell'accessibilità verso il centro e sull'amenità degli ambienti urbani. La valorizzazione del Centro Commerciale Naturale si articola in tre distinti ambiti (Bellaria centro, Asta fluviale, Igea Marina centro) all'interno dei quali sono stati attualmente previsti ed attivati diversi progetti di riqualificazione finalizzati a conseguire gli obiettivi della pianificazione. Tra i progetti già realizzati o in fase di completamento attivati dal 2009 ad oggi si ricordano il ponte ciclopedonale, il sistema di illuminazione al led, il sistema dei Totem informatici e la trasformazione delle sedi della stazione ferroviaria di Bellaria e di Igea Marina in spazi espositivi pluriuso. Altri progetti di rilievo saranno il restyling della piazza centrale di Bellaria e la costruzione della nuova pescheria. Entrambi i progetti sono stati premiati con finanziamenti dagli enti provinciali e regionali. Tra i progetti tecnologicamente più innovativi quelli promossi con Iscom Group e Gecc Lab; il primo riguarda l’installazione di telecamere capaci di rilevare i flussi pedonali, il secondo consiste nella realizzazione del sistema del QR Code che permette l’interazione virtuale tramite Smartphone o Pad con i luoghi più significativi della città. Quest’ultimo si pone come obiettivo la realizzazione di una mappatura del territorio al fine di far conoscere gli elementi più significativi dal punto di vista architettonico, paesaggistico, orografico, storico-culturale e commerciale. Di fatto lo spazio fisico della città si proietta in uno “spazio città”, permettendo “l’augmented space”. Ovvero attraverso i data city l’utente costruisce i propri percorsi in nuove geografie virtuali favorendo cosi l'esplorazione dei prodotti che città e territorio offrono. Un progetto urbano "aperto" che intende assegnare al centro commerciale naturale il ruolo di immagine identitaria della città, sulla quale strutturare il processo evolutivo della realtà urbana.

Contemplando tale processo su due differenti livelli concettuali:

- la flessibilità di adeguare nel tempo gli spazi fisici agli usi e alle esigenze della cultura urbana,

- la capacità di accogliere molteplici interventi alle diverse scale della progettazione